Una notte d’amore? Sì, ma col vino giusto

Voglio essere davvero sincero con voi cari amici della Vineria Fornace. Pensate davvero di conquistare qualcuno che vi piace solo se avete con una bottiglia di vino francese? Siete degli illusi voi e il sommelier che ve l’ha detto. Sento parlare di Champagne per una notte d’amore, di bollicine, di vini dolci dai nomi inpronunciabili conducibili ai soliti francesi, tutto per conquistare la vostra o il vostro amato.

C’è ancora chi pensa che per conquistare qualcuno si debbano usare solo vini francesi.

 Se proprio volete usare un bottiglia di vino come arma d’amore fate una scelta più attenta. Scegliere l’etichetta più costosa non porta a nulla. Se poi la vostra bella chiede la seconda bottiglia…siete rovinati. Occhio quindi al portafoglio e vediamo come scegliere il vino giusto e non l’etichetta.

Stuzzicate l’olfatto di chi v’interessa, solleticate il suo trasporto con un vino aromatico particolare e seducente. I vini aromatici sono una risorsa per una conquista discreta, sottile e profonda. I vini aromatici lasciano sempre un segno positivo. Un moscato può cambiarvi d’umore rendendovi più allegro con i suoi profumi fragranti mentre, un Sauvignon, potrebbe afferrare l’attenzione del vostro amato soprattutto se è un tipo cerebrale. E’ risaputo, da chi ama questa tipologia di vino, che il Sauvignon cattura subito il pensiero. Le sue sfumature, i contrasti olfattivi, i moti al palato fatti di continui cambi di marcia costringono all’attenzione. Se poi volete arrivare davvero al cuore di chi amate provate un Traminer o un Gewurztraminer alsaziano. Le profumazioni di rose e litchi e il palato morbido e cremoso sono irresistibili per molti.

Che bere per San Valentino?

Cerchiamo, prima di tutto, di bere italiano e lanciatevi nel mondo dei vini aromatici. In questo modo potete organizzare una cena a casa vostra a base di ottimi vini senza cadere negli scontati vini francesi.

Create una scala di vini che stimoleranno l’olfatto e la fantasia della serata.

E se proprio non potete fare a meno delle bollicine che siano sempre italiane. Franciacorta se volete fare i “fighi” davanti alla vostra amata, Oltrepò Pavese, ricordate: in questo caso di andare su bollicine ottenute da pinot nero in purezza, se volete essere alternativi; un Trento DOC se volete fare gli intellettuali o un Talento metodo classico se preferite fare gli anticonformisti. L’importante è non esagerare con l’alcol perché non giova né all’amore né ai punti patente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close